Ads 468x60px

02/07/12

Il business plan

Quando ci si appresta ad avviare una nuova attività è necessario creare il business plan. Cos'è il business plan? Il business plan - chiamato anche piano di fattibilità - è un documento che presenta e pianifica il progetto d'impresa che si vuole realizzare, con un orizzonte prospettico di 3, 5 anni. Uno strumento importante per il proprio business che va sempre pianificato. Creare un piano d'azione infatti è indispensabile per chiarire gli obiettivi e poterli raggiungere in ogni momento. Molte attività nascono e muoiono in breve tempo proprio perché non hanno pianificato un progetto: sapere perchè si sta lavorando porta motivazione ed efficacia. 

Questo documento deve contenere e chiarire i principali aspetti del progetto d'impresa, quali:
  • l'idea imprenditoriale
  • la struttura organizzativa dell'azienda
  • l'analisi del mercato di riferimento e la concorrenza
  • le strategie commerciali o il piano di marketing
  • il piano di produzione (solo per le aziende di produzione)
  • il piano degli investimenti
  • il piano economico-finanziario
  • la valutazione dell' impatto sul mercato economico-finanziario e occupazionale

Redigere un business plan permette di verificare a priori la validità della propria idea. Quindi, non solo la fattibilità commerciale, economica e finanziaria, ma anche di valutare tempi, costi e, ovviamente, le azioni necessarie a renderla operativa. Si eviteranno così i rischi derivati da scelte dettate solo dalle intuizioni e dall'entusiasmo. Scrivere un business plan, infatti, mette in luce non solo le qualità ma anche i punti deboli della nostra idea, costringendoci di conseguenza a trovare soluzioni per aggirare gli ostacoli. Molto spesso la nuova impresa muore di troppa improvvisazione perché si sono bruciate le tappe, o perché ci si è fidati solo ed esclusivamente del proprio "fiuto". Sedersi a tavolino e raccogliere tutte le informazioni necessarie per valutare l'idea di impresa non è mai tempo perso. Non garantisce di per sé il successo, permette però di ridurre ragionevolmente il rischio di un fallimento. 

Da evidenziare poi che il business plan rappresenta un moderno ed efficace strumento di comunicazione, indispensabile per illustrare il progetto imprenditoriale ed è un documento necessario in caso di richiesta di un contributo a un ente pubblico oppure di un finanziamento bancario. È quindi un documento che può cambiare nel tempo, perché deve adattarsi alle esigenze dell'impresa e al mutamento dei parametri finanziari. Ci consente, inoltre, di trovare dei soci finanziatori, di instaurare collaborazioni e riuscire a valutare il flusso di cassa per non far morire il progetto. 

Il business plan è uno strumento utile anche in casi di aziende già avviate, in quanto consente di controllare l'attività imprenditoriale e l'andamento generale dell'impresa e di riconsiderare eventuali scelte operative. 

Ricapitolando, il business plan è:
  • uno strumento di avvio e gestione della propria impresa
  • uno strumento di analisi e pianificazione dell'attività
  • uno strumento di comunicazione con i propri interlocutori
  • uno strumento di accesso alle fonti di finanziamento
Creare il business plan ci fa capire se l'idea su cui stiamo lavorando ha senso o meno. Valutando i vantaggi e gli svantaggi economici, i rischi e le relative conseguenze, potremo valutare se valga la pena o meno di proseguire verso la direzione che ci siamo prefissati.