Nuovo regime dei minimi 2012

Sotto e sopra i 35 anni tassazione al 5%. Il nuovo regime dei minimi 2012 per aprire la partita Iva dovrebbe assorbire i precedenti due regimi di imposta ossia quello che si chiama spesso forfettone o forfettino e il regime dei minimi precedente dal primo gennaio 2012 e per il quale in questo articolo potete leggere una piccola guida con consigli pratici ed un vademecum per l’apertura della partita Iva e la gestione della vostra attività. Il reddito imponibile derivante dal percepimento e l’incasso dei ricavi della vostra nuova attività sarà soggetto ad una tassazione sostitutiva Irpef del 5% e ripeto del cinque per cento, tassazione estremamente  vantaggiosa nel rispetto dei requisiti di seguito indicati.

L’adesione al nuovo regime dei minimi 2012 per chi vuole aprire la partita Iva
L’adesione al nuovo regime è consentita per coloro che rispettano una serie di requisiti, primo tra tutti quello di aver iniziato un’attività a partire dal 2008 o la stanno per aprire ora. Questo perchè l’elemento di novità è proprio la durata del regime che può essere di massimo 5 anni e può essere applicato solo fino all’anno di imposta in cui avviene il compimento del 35esimo anno di età anagrafica. Tuttavia dai provvedimenti dell’Agenzia delle Entrate del 22 dicembre 2011 si chiarisce che il regime può durare potenzialmente anche oltre i cinque anni di attività per i soggetti che hanno però meno di 35 anni e può durare in questo caso massimo fino al compimento dei 35 anni. Per gli over 35 invece che iniziano l’attività nel 2012 la durata dei 5 anni è fissa (anche se su questo punto le opinioni sono divergenti perchè se da un lato la norma tenderebbe ad agevolare le nuove attività è anche vero che per come è scritta tenderebbe ad escludere i non giovani ma su questo si richiede un ulteriore chiarimento e si attende la circolare dell’agenzia delle entrate).

Regime delle nuove iniziative imprenditoriali e regime dei minimi
Per i soggetti che precedentemente avevano già fruito di un regime agevolato ossia per esempio le nuove iniziative imprenditoriali ex articolo 13 della legge 388 del 2000 invece si dà la possibilità di passare al regime agevolato dei minimi con tassazione agevolata sostitutiva al 5% ma solo per la residua durata del quinquennio e semprechè abbiano aperto la partita Iva dopo il 2008, che si deve intepretare come se un contribuente avesse aperto la partita iva nel 2009 aderendo al regime delle nuove iniziative: potrà nel 2012 passare al nuovo regime dei minimi ma solo per i restanti due anni (2012 e 2013) perchè per i primi 3 ha già fruito di un regime agevolato. Questo sempre nel rispetto dei requisiti previsti dai vecchi minimi e nuovi minimi (questi ultimi rispetto.

Prestazioni occasionali e regime dei minimi
Se avete svolto prestazioni occasional nell’intervallo di tempo 2008 2011 ed ora volete accedere al nuovo regime dei minimi dovreste a mio avviso verificare prima di tutto di voler svolgere un’attività nuova rispetto a quella precedente ed inoltre verificare se avete già fruito di qualche anno del regime dei minimi in modo da scalarli dai cinque di durata naturale del regime, semprechè non abbiate meno di 35 anni, caso in cui vi permette di fruirne fino al compimento di tale età.

Post più popolari